«Arena, Nabucco a rischio: siamo in ritardo»

Le casse della Fondazione Arena sono a secco e adesso a rischiare non sono solo gli stipendi del personale ma anche le produzioni liriche stesse, in particolare quelle per il festival estivo. Come scrive Samuele Nottegar sul Corriere di Verona a pagina 5, si attendono ancora i 10 milioni di euro stanziati da Roma come fondo per la legge Bray, paracadute finanziario per cui la Fondazione ha presentato richiesta ma sul quale il Ministero della Cultura non ha ancora dato una risposta definitiva.

«Non so se sia solo un problema economico – commenta Dario Carbone, segretario provinciale Fials – non vorrei che questo continuo procrastinare ci facesse tornare a situazioni già note: con la scusa dell’emergenza, poi, si fa passare di tutto. Anche perché con una nuova produzione, come sarà quella del Nabucco, siamo quasi fuori tempo massimo».

(ph: notizie.comuni-italiani.it)