Rimborso BpVi, Assopopolari: «offerta va aumentata»

Un delegazione della associazione soci banche popolari venete ha incontrato ieri il vicedirettore vicario di BpVi Iacopo De Francisco, il responsabile delle relazioni esterne Beltotto e il responsabile della rete filiali Luca Reverberi. Lo scrive in una nota Francesco Celotto, vicepresidente dell’Associazione soci banche popolari venete. Nell’incontro la banca avrebbe illustrato la proposta transattiva di rimborso per i soci dettagliando anche i vantaggi della offerta commerciale riservata ai vecchi soci.

«La nostra associazione ha ribadito la necessità di aumentare l’offerta – scrive Celotto – considerata comunque un buon punto di partenza e ha ribadito la disponibilità a partecipare al tavolo per definire i criteri e i casi dei soci in difficoltà ai quali sono stati riservati 30 milioni di euro (30 milioni anche nel caso di soci Veneto Banca per un totale di 60 milioni, il 10% del totale)».

Assopopolari venete ha inoltre chiesto di alzare l’offerta con l’assegnazione anche di altri strumenti «come obbligazioni a media e lunga scadenza». «Sottolineiamo anche che i soci scavalcati (489 per quanto riguarda BpVi e 160 nel caso di Veneto Banca) riceveranno un indennizzo diverso e molto superiore al 15% previsto per gli altri – conclude Celotto – Assopopolari è a disposizione di quei soci che abbiano situazioni economicamente e socialmente difficili causate dall’azzeramento del valore delle azioni per segnalare tali casi alla banca».

Tags: ,