Confedercontribuenti Veneto querela Cgia Mestre

Pubblichiamo una nota di Confedercontribuenti Veneto.

Confedercontribuenti Veneto annuncia querela contro i dirigenti della Cgia di Mestre per diffusione di notizie false e tendenziose. Hanno annunciato che in Veneto ci sono quasi 20 miliardi di euro di sofferenze bancarie. Nulla di più falso! Pensate che solo la Banca Popolare di Vicenza ha in corso oltre 22 mila contenziosi, per anatocismo, usura e illeciti calcoli civili e penali, altro che crediti deteriorati Npl. Vogliamo esaminarli uno per uno, specialmente quelli della Banca Popolare di Verona, ora Banco-Bpm, la quale, secondo i nostri calcoli ha incassato illecitamente miliardi di euro di spese e commissioni non dovute o non lecitamente pattuite che devono essere restituite.

Molto spesso il sistema bancario si è macchiato di reati gravissimi, come la truffa, l’usura e l’estorsione. Tutti fanno finta di nulla ma solo a Padova ci sono 18 mila esecuzioni immobiliari. Almeno nell’80 per cento dei casi si possono contrastare e fermare le aste e le pretese delle banche. Se non vogliamo essere compartecipi che il Veneto venga distrutto e il patrimonio immobiliare frutto di sacrifici di generazioni vada all’asta, tutti devono fare la loro parte e non portare acqua al mulino della controparte criminale di stampo bancario.

Alfredo Belluco
presidente Veneto e vicepresidente nazionale Confedercontribuenti