Verona, Bertucco lascia il Pd e fonda “Piazza Pulita”

Michele Bertucco lascia il Partito Democratico per creare a Palazzo Barbieri un nuovo gruppo consiliare che si chiamerà Piazza Pulita. Come scrive Lillo Aldegheri sul Corriere di Verona a pagina 9, il consigliere scaligero potrebbe ora correre per la poltrona di sindaco a capo di una coalizione di sinistra che comprenda Rifondazione Comunista, Sinistra Italiana, comitati e gruppi civici e ambientalisti. «Non nego – dichiara Bertucco – che ci siano offerte e richieste affinché io mi candidi: parlerò con tutti e valuterò il da farsi, ma al momento non c’è niente di più che questo».

Molti i motivi di rottura col Pd che covavano da tempo prima della definitiva rottura di ieri. Primo fra tutti le ipotesi da parte dei vertici dem di accordi elettorali con Flavio Tosi, poi il No di Bertucco al referendum costituzionale e infine la sua espulsione da capogruppo in Comune. Il Pd, secondo Bertucco ha «cambiato pelle» e «il centrosinistra non ha la prospettiva di un candidato sindaco né una base programmatica».