Maniero, ora possibili i risarcimenti alle vittime

Una volta acquisito dallo Stato il patrimonio sequestrato a Felice Maniero, ex boss della Mala del Brenta, le vittime potranno attingervi in qualità di risarcimento. Come scrive Michela Nicolussi Moro sul Corriere del Veneto a pagina 5, cioè è possibile poichè al processo tutti gli imputati si dichiararono nullatenenti. Le vittime rapite, picchiate, ferite, ammazzate, traumatizzate a vita dalla Mala potranno ora così «riprendersi un po’ di giustizia».

«L’unica condizione è che le vittime si siano costituite parte civile — spiega l’avvocato Claudio Beltrame del Foro di Venezia – Una scelta che accomuna 150 delle 400 vittime. Le altre non se la sono sentita, per paura o perché non volevano ripercorrere tante volte il trauma vissuto, e oggi per loro i reati subiti sono prescritti. Non possono avviare la causa civile per il ristoro dei danni, opzione riservata alle parti civili, che all’epoca si videro riconoscere la provvisionale e per le quali la prescrizione è interrotta».

Tags: