Puppato (PD): «Pedemontana, nessun vantaggio ai residenti»

«L’avevo previsto, ora è successo. Ad agosto avevo avvertito che Luca Zaia avesse fatto intendere che sulla SPV non ci sarebbero state esenzioni economiche per i residenti. Questa era l’unica soluzione, a causa degli errori fatti da SIS e Regione nel prevedere i volumi di traffico». Lo dice Laura Puppato, senatrice del Partito Democratico, tornando sulla questione della Superstrada Pedemontana Veneta. «Cassa Depositi e Prestiti arriverà a salvare un’opera che la Regione ha voluto, ma che non è in grado di portare a termine, ma chiede garanzie perché ad oggi la Superstrada è una voragine di fondi, le previsioni di traffico saranno dimezzate e salteranno le esenzioni per i residenti – ha detto ancora Puppato -».

«Questo significa che la SPV non sarà in grado di servire i centri della Pedemontana come tangenziale e il traffico continuerà a insistere sui comuni, con le evidenti conseguenze negative su sicurezza, ambiente e salute pubblica». In conclusione, «davvero non si sa come la Regione non abbia saputo prevedere questa situazione, visto che anche quanti non avevano potuto vedere i documenti relativi, perché a lungo secretati, avevano previsto tranquillamente l’esito finale. È tempo che gli autori di questo sfacelo si assumano la responsabilità della loro incapacità e si facciano da parte».

Tags: