Rapporto su titolo Unesco, lo stop su Borgo Berga

La Valutazione di impatto sul patrimonio boccia il complesso vicentino di Borgo Berga. Come scrive Gian Marco Mancassola sul Giornale di Vicenza a pagina 15, gli esperti hanno sottolineato in particolare la vicinanza delle strutture dell’ex Cotorossi all’Arco delle Scalette e a villa La Rotonda ricordando come già nel dicembre 2015 Icomos, il braccio operativo dell’Unesco, dichiarava: «l’aspetto tradizionale semi-rurale e l’ancora piuttosto ben conservato paesaggio agricolo sono stati sostanzialmente, negativamente e in modo permanente influenzati dal complesso».

«Le viste percepite percorrendo le antiche vie di accesso da sud alla città storica dal Bacchiglione e dalla strada sono visibilmente compromesse – spiegano gli esperti -. L’area dell’intervento in corso di completamento crea un impatto critico che va sommandosi al disturbo visivo e all’impatto complessivo dell’intervento già realizzato». Per correre ai ripari di un rapporto definito «fortemente negativo», gli esperti raccomandano «il divieto di nuove costruzioni» nell’area, «la modifica del progetto (riduzione della volumetria o demolizione degli edifici in corso di costruzione)» e «lo sviluppo di misure di mitigazione per ridurre l’impatto visivo degli edifici esistenti».