Addio a Vittorio Coin, imprenditore con anima sociale

Vittorio Coin, vicepresidente dell’omonimo gruppo e  presidente onorario del Comitato Airc del Veneto – Associazione italiana per la ricerca sul cancro -, è morto ieri all’età di 77 anni, dopo essere stato colpito da un ictus lo scorso 7 gennaio. Coin era molto attivo non solo nel mondo imprenditoriale e in quello sportivo, ma anche nel mondo della sanità. Era stato tra coloro che si erano impegnati per sostenere la nascita di un istituto oncologico veneto.

«Ci ha lasciato un grande condottiero dell’impresa veneta e del vero capitalismo sociale di cui questa terra è madre – ha dichiarato il governatore del Veneto Luca Zaia . Con Vittorio Coin il Veneto perde non solo un veneziano appassionato, un imprenditore illuminato che ha saputo portare e far crescere in ogni parte del mondo l’impresa di famiglia, ma soprattutto un imprenditore sociale, attento e sensibile alla sanità, alla ricerca, all’università, all’editoria, allo sport e all’associazionismo». «Vittorio Coin continua – Zaia – è stato in tutto e per tutto un vero ambasciatore del Veneto».

(Ph. Adnkronos)