Ospedale Monselice, pazienti contro tivù a pagamento

L’ospedale Madre Teresa di Monselice (Padova) fa diventare a pagamento il televisore per 300 pazienti e scoppia la rivolta. Come si legge sul sito del Mattino, Antonio Stasolla, presidente dell’associazione per la tutela dei degenti “Afoid Dirittiamoci”, ha preso carta e penna e scritto lettere di protesta alla Regione, ai sindacati dell’ex Uls 17 e alla conferenza dei sindaci: «Non si fa mercato con la salute delle persone – scrive Stasolla – e la sanità pubblica, con tutto il dovuto rispetto, sta diventando un mercato».

Secondo l’associazione infatti, i pazienti hanno diritto ad uno svago indipendentemente dalle loro disponibilità economiche. Si tratta di un esercizio legittimo di autonomi poteri decisionali di scelte aziendali dell’Usl, sostiene la Garante regionale dei diritti della persona, Mirella Gallinaro. «Ma come – replica Stasolla – la Costituzione non è al di sopra di ogni normativa?».

(ph: primocanale.it)

Tags: ,