Rigopiano, proprietaria trevigiana: «tutto a norma»

«Tutto all’Hotel Rigopiano è stato fatto rispettando le norme». E’ quanto comunica la società trevigiana proprietaria dell’albergo di Farindola. Dopo una serie di vicissitudini, come riporta il Corriere del Veneto, alcuni anni fa la proprietà della struttura è passata alla A-Real Estate, società con sede legale a Bolzano e uffici operativi a Treviso. E nel capoluogo trevigiano ha sede anche la A-Leasing, che si occupa di finanziamenti ed è controllata da una holding austriaca. Sandro Casellato è contemporaneamente consigliere di amministrazione della A-Leasing e amministratore delegato della A-Real Estate, due società il cui cda, pur con ruoli diversi, è composto dalle stesse persone.

«A-Real Estate spa è in possesso di tutta la documentazione relativa ai permessi a costruire rilasciati dal Comune di Farindola sin dall’anno 2006 – si legge nella nota ufficiale diffusa dal gruppo – e dei certificati di agibilità firmati dallo stesso ente. La società – si precisa – ha inoltre dato incarico a più riprese di svolgere perizie che miravano a verificare di volta in volta la presenza dei requisiti di legge in tema di conformità ed adeguatezza della struttura, dal momento che l’attività alberghiera era svolta da una società terza non appartenente al proprio gruppo societario e quindi vi era una dichiarata volontà di vigilanza».

Nel dichiararsi pronta «alla piena collaborazione verso tutte le autorità interessate», A-Real Estate rende poi noto di aver «già dato mandato ad un legale di fiducia di prendere contatto con la Procura di Pescara per dare disponibilità assoluta all’autorità giudiziaria per tutto ciò che fosse necessario alle indagini».

Tags: ,