Arena, ballerini licenziati: «faremo ricorso»

Ricomincia la battaglia dei ballerini del corpo di ballo della Fondazione Arena, licenziati alla fine di una trattativa fallita tra i sindacati e i veritici della fondazione. Secondo quanto scrive Samuele Nottegar a pagina 7 dell’edizione veronese del Corriere del Veneto di oggi, proprio ieri sei ballerini hanno firmato la domanda di disoccupazione al patronato Uil di Verona. Un gesto tutt’altro che conclusivo della vicenda: il sindacato, infatti, si dice pronto ad impugnare i licenziamenti.

«Con il mancato accordo tra Fondazione e sindacati – spiega un ballerino – è stato detto che il corpo di ballo veniva licenziato e cessava di esistere. Ma non è così: la chiusura del corpo di ballo avrebbe potuto esserci con l’accettazione dell’incentivo all’esodo. Ma noi non lo abbiamo firmato e siamo pronti ad impugnare i licenziamenti. Finché la magistratura non si sarà espressa sui nostri licenziamenti, fino ad allora, la questione rimarrà aperta».