Soci BpVi a mons. Pizziol: «non aderisca a rimborso»

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un gruppo di soci della Banca Popolare di Vicenza in merito alla possibile adesione della Diocesi berica al rimborso offerto dall’istituto berico

Eccellenza Reverendissima,
Le scriviamo a nome di un molto più folto gruppo di fedeli che sono rimasti gravemente turbati dalle notizie apparse sulla stampa, relativamente alla possibilità che la Diocesi di Vicenza aderisse all’offerta di compensazione presentata da BpVi.

Come l’E.V. ha peraltro già pubblicamente esternato lo scorso anno, la situazione di decine di migliaia di famiglie è oramai permeata di «sconforto, delusione e sfiducia nelle persone, sfociati in taluni casi in veri sentimenti di disperazione».

Molte di queste persone sono ora addirittura escluse (in quanto vecchi soci) da quell’offerta di compensazione che, seppur miserrima rispetto a quanto affidato all’istituto, potrebbe comunque rappresentare un concreto aiuto nella quotidiana incombenza di sbarcare il lunario. «Ancora una volta i più deboli hanno pagato il prezzo più caro», per citare le Sue stesse parole.

Da quanto riportato sui media sembrerebbe che la Diocesi di Vicenza abbia ricevuto una offerta compensativa di 9 euro ad azione, anche se tecnicamente non ne avrebbe diritto dato che gli acquisti sarebbero stati effettuati prima del 1 Gennaio 2007, quindi fuori dai parametri stabiliti da BpVi per il ristoro.

Vorremmo pertanto invitarLa a fare chiarezza in merito a quanto riportato dalla stampa e, qualora questo si rivelasse corretto, di rinunciare al ristoro e chiedere a BpVi di destinare le somme cui avrebbe diritto la Diocesi di Vicenza ad altri soci in evidente difficoltà.

La parabola del figliol prodigo ci insegna a perdonare, ed a mettere sullo spiedo il Vitello Grassso per festeggiarne il ritorno, ma per farlo è necessario che i «prodighi figliuoli» di BpVi tornino alla casa del Padre pentiti delle proprie azioni e ad oggi non abbiamo assistito a nulla di tutto questo.

Noi «Primogeniti dimenticati» saremmo ben disposti a gioire del ritorno dei nostri fratelli, ed a sederci per partecipare dello spiedo, ma il problema è che mancano sia il vitello grasso, già scarnificato dalle bestie selvagge, sia i prodighi fratelli per altro non ancora pentiti, e tutt’ora impegnati a dissipare «quello che spetta loro».

Ecco perchè riteniamo che il loro destino non possa, a nostro parere, essere messo a confronto con le decine di migliaia di persone che sono rimaste coinvolte nel crac, e la reputazione e le meritorie e commendevoli opere di assistenza e soccorso che le infrastrutture ed il personale diocesano portano avanti ogni giorno nei confronti dei più deboli non possono, parimenti, dipendere da quella che è oramai divenuta una impresa puramente speculativa di proprietà di un conglomerato con sede in un paradiso fiscale.

Il biblico «tu sei stato pesato sulle bilance e sei stato trovato mancante», anticipazione di quel Giudizio cui tutti saremo un giorno sottoposti, sembra purtroppo, stante le notizie ed i dati disponibili, drammaticamente vero, attuale ed imminente per quella che fu, per i risparmiatori coinvolti e per la Chiesa Vicentina, una vero e proprio porto di rifugio, nel passato.

Auspichiamo infine che, in quanto preposta alla cura pastorale e spirituale del gregge vicentino, la Diocesi di Vicenza compia un gesto pubblico, fosse anche solo simbolico, ma concreto perchè la «tutela dei risparmiatori e il giusto risarcimento» siano resi possibili anche in questo mondo, e non solo in quel Regno dei Cieli cui tutti noi aspiriamo. Anche una sola goccia, nel deserto, può far germogliare una pianta.

Canale Luca, Segalla Silvia, Campanaro Mirco, Reghelin Maddalena, Marcante Stefania, Crosara Bruno, Scandian Carlo, Viero Gian Antonio, Rizzi Rosella, Borgo Elia, Danzo Adriano, Pigatto Severino, Filippi Alfredo, Fedeli Maria Margherita, Panozzo Maria, Castegnaro Venerio, Marana Anna, Castegnaro Chiara, Castegnaro Stefano, Turcato Laura, Schibotto Giuliana, Sella Giuseppe, Pozza Giovanni, Munaretto Regina, Stella Gaetano, Calore Ancilla, Bidese Fabio, Bidese Nadir, Bidese Clemente, Canale Giuseppe, Aretusi Patrizia, Tagliapietra Flavio, Lanaro Lucia, Facci Enrico, Pianalto Irma, Zanella Luigino, Valente Ivana, Testolin Maurizio, Bolfe Margherita, Zaltron Roberta, Dalle Molle Giovanni, Dettin Flora Elda, Contin Michela, Gallo Mauro, Apolloni Fabio Luigi, Tessari Maria Luigia, Dona’ Bruna, Dal Zotto Dino, Crestanello Ermida, Converso Renzo, Carretta Maria Maddalena, Mognon Arianna, Gnata Corrado, Guglielmi Antonia, Silvestri Stefania, Zanetello Cesarina, Lora Giuliano, Golo Umberto, Vezzaro Maria Lucia, Lora Walter, Valente Otello, Grendene Pio, Sartori Diego, Bressan Carlo, Strazzabosco Andreina, Bellotto Enzo, Facci Paolo, Valente Lucia, Zarantonello Maria Teresa, Novello Diego, Fedele Carmela, Panozzo Sandro, Pasin Luigi, Michelazzo Imelda, Ceschin Maurizio, Grotto Sonia, Ceschin Lorenzo, De Franceschi Erika, De Franceschi Antonella, Conti Flavia, Acquasaliente Marisa, Raumer Oscar