Trinca (ex presidente Veneto Banca): «sono innocente»

«Sono innocente. E fiducioso di poter chiarire tutto». Come scrive La Tribuna di oggi, a pagina 12, Flavio Trinca, ex presidente del Cda di Veneto Banca indagato dalla Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta su aggiotaggio e ostacolo all’attività delle autorità di vigilanza, ha chiesto di essere interrogato per spiegare la propria posizione nella vicenda dell’istituto di Montebelluna.

«Dal corposissimo fascicolo di indagine – sottolinea il legale di Trinca, l’avvocato Fabio Pinelli – non emerge alcuna responsabilità da funzione del presidente del Cda e cioè che allo stesso fossero attribuibili determinate deleghe rilevanti in relazione alle contestazioni mosse. Non emerge inoltre l’individuazione di singole condotte di qualunque rilievo riferibili alla persona fisica Flavio Trinca». Di qui la decisione di Trinca – che finora non è mai stato sentito dagli inquirenti – di riferire ai magistrati romani: «Ci recheremo a Roma per chiarire tutto questo», ha precisato il legale.