Diocesi Venezia: «non aderiremo a rimborso BpVi»

«Stiamo ancora valutando ma non penso che aderiremo». Così sul Corriere del Veneto a pagina 17,  il vicario episcopale della diocesi veneziana, don Dino Pistolato, sull’offerta di transizione proposta ai soci dalla Banca Popolare di Vicenza (9 euro per azione acquistata negli ultimi 10 anni). La diocesi di Vicenza sta invece valutando il rimborso per la piccola parte delle 26.254 azioni di BpVi che non è troppo vecchia.

«Non è esclusa un’azione legale – aggiunge don Pistolato -. Di solito preferiamo evitare i contenziosi, ma qui dobbiamo tenere in conto la finalità caritativa indicata dal donatore». Intanto le 3.370 quote di Veneto Banca ereditate dal Patriarcato di Venezia rientrerebbero nel periodo valido per la transazione.

 

Nell’articolo pubblicato oggi si scriveva erroneamente che era la diocesi di Vicenza ad aver deciso di rifiutare l’offerta della Banca Popolare di Vicenza, attribuendole le parole di don Dino Pistolato che invece è il vicario episcopale della diocesi di Venezia. Ci scusiamo con i diretti interessati e i lettori per la svista.