Fondazione Roi, Bulgarini: «accetti rimborso BpVi»

Stamattina si svolgerà a Vicenza il primo consiglio di amministrazione di Fondazione Roi presieduto per la prima volta da Ilvo Diamanti. Come scrive Gian Maria Collicelli sul Corriere del Veneto nell’edizione di Vicenza a pagina 11, sul tavolo ci sarà probabilmente anche la proposta transattiva di Banca Popolare di Vicenza (9 euro ad azione e rinuncia alla causa) che riguarda poco meno di mezzo milione di azioni possedute dall’ente. E il Comune va all’attacco sul suo rilancio: «La Fondazione è autonoma in tutto e per tutto – dichiara l’assessore alla Crescita e vicesindaco, Jacopo BUlgarini d’Elci – ma credo che per l’ente non ci sia altra strada se non quella di accettare la proposta dell’istituto di credito».

Diamanti, saggista e professore universitario, è subentrato alla guida della Fondazione lo scorso 12 dicembre al posto del precedente presidente, Gianni Zonin ex numero uno di BpVi, con l’obbiettivo di sostenere e promuovere i musei civici di Vicenza, in particolare Palazzo Chiericati. Zonin aveva lasciato il timone della Roi in seguito alla polemica sulle 510 mila azioni della Popolare detenute dalla fondazione di mecenatismo culturale che erano soggette alla svalutazione dei titoli stessi, e che avevano creato una perdita a bilancio di circa 30 milioni di euro. Per il momento però, l’ordine del giorno ufficiale del cda della Fondazione è solo quello di nominare presidente e vicepresidente, quest’ultimo ancora da definire.

Tags: ,