Pfas, esposto contro Cappelleri: «levategli l’inchiesta»

La presidente dell’associazione “Terra dei Pfas”, la padovana Enza Pregnolato, ha depositato un esposto alla Procura generale della Corte d’Appello di Venezia (e al Csm) sollecitando l’avocazione dell’inchiesta sulla contaminazione da Pfas avviata dalla Procura di Vicenza. Come scrive il Mattino a pagina 12, l’esposto fa seguito alla relazione della Commissione parlamentare Ecomafie che aveva accusato il procuratore capo di Vicenza, Antonino Cappelleri (in foto), di non aver formulato in tempi brevi un capo d’imputazione per reato ambientale nell’indagine sulle sostanze perfluoro-alchiliche.

Cappelleri invece aveva dichiarato di non aver abbastanza evidenze scientifiche per costituire prove per formulare il suddetto capo d’imputazione. La Procura di Vicenza, si legge nell’esposto della Pregnolato, «sembra ignorare le autorevoli conclusioni della Commissione parlamentare mentre cresce nell’opinione pubblica, rappresentata da 350 mila residenti, il timore di essere esposti all’inquinamento e soprattutto di non essere adeguatamente tutelati dall’autorità giudiziaria».