BpVi e Vb, i soci potranno acquistare azioni a 0,10 euro?

Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza stanno pensando al ritorno della proposta di warrant nel segno di una distensione dei rapporti con i soci. Come scrive Nicola Brillo sul mattino a pagina 14, l’ipotesi prevede la possibilità per i soci di acquistare le azioni a 0,10 euro (lo stesso prezzo pagato dal Fondo Atlante) qualsiasi sia il valore del futuro istituto che nascerà dalla fusione tra le due ex popolari. L’offerta sarebbe aperta anche ai soci che avevano acquistato azioni prima del 2007 e quindi esclusi dal piano di ristoro presentato a gennaio e che richiede l’80% di adesioni. Intanto domani si terrà un nuovo incontro sul piano industriale fra i vertici dei due istituti. Molti i nodi sul tavolo: da una ricapitalizzazione precauzionale, che dovrebbe attestarsi sui 3 miliardi, alla cessione di asset importanti (Bim, Arca etc).