Pfas, Cappelletti (M5S): «consulente Miteni è lo stesso dell’Ilva»

«Chi è l’esperto incaricato dalla Miteni a presiedere il workshop sui Pfas fissato per domani a porte chiuse? Il Professor Angelo Moretto è nientemeno che il consulente dell’Ilva, incaricato nel 2013 dalla famiglia Riva per difendersi dalla perizia disposta dal Gip di Taranto». Lo comunica in una nota stampa il senatore Enrico Cappelletti del M5S. «In quell’occasione – prosegue – il professore ha contestato l’Arpa, la Magistratura ed il Ministero della Salute affermando che la causa delle neoplasie polmonari nel tarantino non erano connesse alle emissioni dello stabilimento siderurgico ma agli stili di vita degli abitanti, poiché a Taranto, città portuale, la disponibilità di sigarette era in passato più alta rispetto ad altre aree del Sud Italia».

«Il professor Moretto – continua il senatore M5S – si è già espresso sulla ricerca realizzata dal registro nascite che ha segnalato i gravi rischi alla salute dei neonati e delle gestanti nella “zona rossa Pfas”, definendolo privo di fondamento e con conclusioni arbitrarie. Non è difficile quindi immaginare quali saranno le sue considerazioni sulla recente relazione della Commissione ecomafie del Parlamento. È comunque paradossale come le ricerche del consulente, a quanto pare particolarmente caro alle aziende che inquinano, riescano sempre a ribaltare i precedenti risultati. A questo punto non possiamo non chiederci quanto siano costati alle aziende questi studi. Saremmo lieti – conclude Cappelletti – se il professore rassicurasse anche noi sulla innocuità dei pfas, magari bevendo un paio di bicchieri dell’acqua contaminata».