“Banca della Terra” al via, 15 mila ettari gestiti dai giovani

Può finalmente partire il progetto “Banca della terra veneta”. L’iniziativa, scrive Valeria Zanetti sul Giornale di Vicenza a pagina 9, era  prevista già in una legge del 2014 ma è stata avviata grazie ad una delibera regionale a fine 2016. Il progetto è volto ad agevolare l’inserimento dei giovani under 40 nell’agricoltura con la distribuzione in lotti tramite bandi di 15 mila ettari di fondi incolti. Le domande si dovranno presentare ad Avepa (Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura).

Sulla “Banca della Terra” Coldiretti e Confagricoltura esprimono soddisfazione ma sottolineano il rischio che un fisco e un burocrazia troppo pesanti possano trasformare i sogni dei giovani in degli incubi. Il ritorno in campagna dei giovani «è visto come un’opportunità di conseguire reddito in un momento di crisi – riflette Andrea Lavagnoli, presidente di Cia Verona – Spesso, però, chi avvia una nuova attività parte da una proprietà familiare e da una base di capitale, indispensabili per programmare investimenti. Per l’agricoltura i giovani sono una risorsa, anche quando partono da zero: è importante metterli in condizione di provare, con agevolazioni e sostegni».

Tags: