Pfas, rissa sfiorata al seminario Miteni

Rissa sfiorata al seminario con gli amministratori locali organizzato ieri sera dalla Miteni, l’azienda di Trissino con 9 dirigenti indagati per l’inquinamento delle falde acquifere venete dai Pfas. Come scrive Giulio Todescan a pagina 7 dell’edizione di Vicenza del Corriere del Veneto, fuori dalla sala della dede di Confindustria a Montecchio Maggiore, si è riunito un centinaio di manifestanti. Ad un certo punto da uno di loro è partito un insulto a Maurizio Scalabrin, consigliere Pd e presidente della commissione ambiente. L’atmosfera si è scaldata e si è arrivati quasi alle mani.

Al centro delle proteste la presenza al seminario di Angelo Moretto, professore associato di diritto del lavoro all’Università di Milano e già in passato consulente della Miteni. «Ha organizzato lui questa riunione di propaganda – afferma Sonia Perenzoni, consigliera 5 Stelle – . Moretto non è credibile: è consulente per l’Ilva e ha scritto che i tumori a Taranto sono dovuti al fumo di sigarette». «Non è vero, ha organizzato tutto Miteni – replica concitato Scalabrin –. Mi hanno offeso e messo le mani addosso per niente». A far infuriare il “Gruppo genitori e cittadini attivi Pfas Montecchio” è stata soprattutto la modalità di convocazione della riunione: doveva tenersi a porte chiuse in Sala Filande, sede municipale ma è poi stata spostata in Confindustria dopo le proteste.

 

 

Tags: ,