Padova, da sinistra muro contro Degani, Saia & C

Con 250 voti a favore, 87 contro (e un astenuto) l’assemblea degli iscritti di Coalizione Civica, l’aggregazione di forze della sinistra padovana, ha approvato “Primarie sì ma…”, preferendola a “Costruiamo il futuro per un’altra Padova” di Floriana Rizzetto (una delle tre candidate della coalizione per le primartie di domenica), Giuliana Beltrame e Carlo Salmaso. La mozione approvata chiude le porte delle primarie di centrosinistra agli esponenti di centrodestra che avevano sostenuto in passato l’ex sindaco Massimo Bitonci. Come scrive Claudio Malfitano sul Mattino a pagina 21, la decisione apre quindi una spaccatura col Pd disponibile ad allargare le maglie delle alleanze anche agli esponenti anti-bitonciani del centrodestra Saia, Brunetti e Degani.

«Giordani ci ha detto di essere il candidato del Pd, del Nuovo centrodestra di Barbara Degani, delle varie articolazioni della famiglia Saia, e di altri che hanno sostenuto Bitonci. È inaccettabile», commenta l’ex assessore Daniela Ruffini. La linea politica dei “separatisti” di Coalizione Civica, è dunque quella di presentarsi alle elezioni con una propria lista al primo turno, dialogando con le altre forze politiche solo successivamente. Gli altri due candidati di Coalizione Civica alle primarie di centrosinistra sono il docente di economia Arturo Lorenzoni e il filosofo Umberto Curi, entrambi a favore di una linea di apertura al Pd.

(ph: Twitter)

Tags: ,