«Veneto Banca, offerto 50% a soci “scavalcati”»

Veneto Banca sarebbe pronta a pagare il 50% del valore delle azioni ai cosiddetti “scavalcati”, gli azionisti che avevano espresso la volontà di cedere i propri titoli ma che non hanno potuto farlo in quanto “superati” da altri soci. Secondo quanto scrive Nicola Brillo a pagina 20 del Mattino di oggi, la notizia arriverebbe dall’associazione dei consumatori Aduc, che ha reso pubblico il continuto dell’offerta dell’istituto di Montebelluna.

Un’offerta aperta anche ai soggetti esclusi dall’offerta standard, quali ad esempio le società di capitali. «Sono scavalcati non tutti i venditori ma solo quelli che effettivamente avrebbero venduto le azioni perché in quel momento il fondo acquisto azioni proprie sarebbe stato in grado di acquistarle – precisa l’Aduc – gli altri, quelli per cui non sarebbe in ogni caso avvenuta la vendita per mancanza di risorse economiche del fondo, sono destinatari dell’offerta standard».

I soci “scavalcati” sarebbero 150, secondo quanto comunicato da Veneto Banca. «E’ la banca stessa a dichiarare che l’azionista è stato scavalcato – spiega Aduc – quindi si ha la pressoché certezza di vincere un eventuale giudizio e incassare non il 50% ma l’intera somma che si sarebbe ricavata dalla vendita, oltre che agli interessi. Se si accetta, quindi, si incamera la metà di quanto spetterebbe ma come ovvio la si incassa subito».

Tags: ,