Verona, M5S: «Atv resti veronese»

Una raccolta firme in tutto il territorio veronese, per chiedere alla Provincia di mantenere a Verona l’azienda di trasporto locale. Questo il primo step proposto dal Movimento 5 Stelle di Verona, che annuncia in un comunicato stampa diffuso stamattina anche una seconda iniziativa sulla sponda lombarda.

«Infatti – si legge nella nota – abbiamo depositato interrogazione in Regione Lombardia per chiedere se il maggior azionista di Trenord (la regione Lombardia appunto) è d’accordo nel pagare le quote di Atv il doppio del loro valore. Sembra un’ovvietà ma di fatto, una quota del denaro che dovrebbe pagare quelle quote è pubblica».

Sulla vicenda interviene anche il candidato sindaco del M5S, Alessandro Gennari: «è ovvio che desideriamo venga mantenuto il controllo sul nostro trasporto locale. Si sta valutando l’operazione con Ferrovie Nord perché non ci sono le risorse per far valere la prelazione, rischiando, tra l’altro, un danno erariale qualora venisse fatto valere tale diritto. Se fossi azionista di Ferrovie Nord venderei subito le mie quote. Stanno pagando l’acquisizione del 50% di Atv, il doppio del loro valore. Mi chiedo come si possa anche solo considerare un tale esborso».

«Si è valutato l’impatto dell’acquisizione sui lavoratori? – chiede il consigliere comunale Riccardo Saurini – bisognerebbe mettere sul tavolo della trattativa un business plan che chiarisca i progetti di Ferrovie Nord in merito a personale, efficienza del servizio, tariffazione e contrasto del fenomeno dei portoghesi».