Schio, arriva osteria nippo-veneta in roulotte

Girerà l’Italia, attraverso manifestazioni ed eventi culinari, il 37enne di Schio Giulio Grotto, ideatore di un progetto culinario che costituisce una sorta di “mash-up” della cucina tradizionale veneta con quella giapponese. Secondo quanto scriveva Elfrida Ragazzo il 17 febbraio scorso sul sito del Corriere del Veneto, l’attività di Grotto sarà inaugurata ad aprile.

Quando partirà a bordo della sua roulotte alla volta di convention di food trucking, eventi legati al Giappone o altre fiere all’aperto. «Proporrò due menù – anticipa Grotto – uno prettamente giapponese, basato sul ramen, e uno veneto ma ripensato, con idee che vanno dai gelati salati al baccalà al polpo in versione ghiacciolo».

L’idea dell food truck e della nuova avvenura a bordo di una Laverda 380 (modello degli anni ’80 completamente rimodernato con inserti in legno «stile osteria») è arrivata dopo una lunga carriera nella ristorazione iniziata con la formazione all’alberghiero di Recoaro. Che però Grotto ha lasciato al quarto anno, per andare a lavorare.

«Ho avuto un’esperienza importante, formativa, al ristorante scledense Da Beppino – racconta il cuoco – poi ho trovato lavoro in un ristorante con stella Michelin, il Perbellini di Isola Rizza». Dopo altre esperienze in Italia e in Europa, nel 2000 Grotto si è spinto in Giappone, a Nagoya, dove ha lavorato per tre anni. Al ritorno ha proposto alcune delle sue ricette venete reinventate in chiave nipponica presso la Tavernetta all’Androna a Grado (una stella) e all’enoteca De Feo di Cividale. Ma ora è pronto per una nuova avventura.

Tags: ,