Scopre video hard in rete: «quella sono io, ma adesso denuncio»

Il suo video hard privato salvato sullo smartphone è finito su Whatsapp e da lì in rete dove è diventato rapidamente virale. Ma a differenza di alcuni precedenti casi simili, questa volta la vittima, una trentenne bresciana ma padovana d’adozione, ha deciso di uscire allo scoperto e di denunciare chi le sta rovinando la vita. «Nel video non faccio del male a nessuno e non sto facendo qualcosa di fuorilegge – dice la ragazza in un articolo di Elisa Fais sul Mattino a pagina 2 – La persona che ha diffuso il filmato sarà punita, ma voglio far riflettere tutti coloro che hanno condiviso anche solo una volta quelle immagini. Vergognatevi: poco tempo fa, come ricordate, una ragazza si è tolta la vita per colpa di un video molto banale (Tiziana Cantone, ndr). Io fortunatamente sono una persona forte e questa cosa non mi ha toccato. Se fossi stata debole, come quella ragazza, voi in questo momento sareste colpevoli di qualcosa di molto grave». «Il video è stato girato a settembre, quando frequentavo un ragazzo di Treviso che nega di aver diffuso quelle immagini – racconta la 30enne – Può essere stato solo lui perché il filmato era privato e era salvato unicamente nel suo smartphone. Ho saputo che il video iniziava a girare circa due settimane fa, guarda caso proprio dopo un nostro incontro in discoteca (…) Inizialmente ero ferita, ero disperata, non riuscivo a darmi pace (…) così mi sono tolta temporaneamente dai social».

«La mia immagine è stata danneggiata e ora mi trovo in difficoltà perché sto per aprire un’agenzia – continua la giovane – Era solo il ragazzo che mi piaceva. Quel giorno ha iniziato a filmare, ammetto di essermene resa conto, ma ero coinvolta e l’ho lasciato fare. Mi fidavo. Inviare quelle immagini a qualcun altro è stato un gesto cattivo». Si è poi scoperto che il ragazzo che frequentava, e che compare nel video, era fidanzato da due anni con un’altra ragazza. «Ho intenzione di agire legalmente perché quello che è accaduto non è giusto, è illegale e va contro il rispetto della privacy. È bene che la gente capisca: se lasci passare, poi vincono loro. Eventi di questo tipo non si devono ripetere». La ragazza ha pubblicato sul su profilo un video in cui spiega il motivo per cui è uscita allo scoperto ricevendo molti commenti di sostegno ma anche le immancabili critiche: «non capisco l’ipocrisia dei ragazzi e delle ragazze che giudicano e parlano alle spalle (…) Queste cose (farsi video intimi, ndr) le fanno tutti, il problema è che un momento di intimità è stato reso pubblico e la gente è sempre brava a puntare il dito».