«Tav, parole sottosegretario: scherzo di carnevale?»

Il consigliere regionale M5S Manuel Brusco e il parlamentare Mattia Fantinati prendono di mira le dichiarazioni rese a Verona dal sottosegretario ai trasporti e alle infrastrutture, Umberto Del Basso De Caro, sul tema della Tav. «Innanzitutto il progetto pare ora essere ridotto alla semplice tratta Torino-Verona – esordisce Brusco – quando, fino a pochi mesi fa, ce lo vendevano come un irrinunciabile piano internazionale. E poi l’intero faldone deve essere rivisto, modificato e adeguato alle normative attuali, dato che si basa su regolamenti tecnici della fine degli anni Ottanta che sono superati da oltre un decennio».

«Rimaniamo inoltre sorpresi dal fatto che il sottosegretario ha parlato di un miliardo e mezzo di euro per quanto riguarda il costo dell’opera, che invece nel sistema informativo delle opere strategiche della Camera è indicato in quasi 4 miliardi di euro, dei quali sono disponibili sono 2 miliardi e due”. Gli fa eco l’onorevole Fantinati: «la visita del sottosegretario ci ha lasciato attoniti per le imprecisioni dette in merito ai lavori della Tav siamo in pieno clima carnevalesco, ma ridurre da 7 anni e 4 mesi previsti dalla commissione ministeriale a 3 gli anni necessari per il completamento del lavoro tra Brescia e Verona, e ridurne al contempo i costi da quasi 4 miliardi di euro a 1,5 miliardi non sta davvero né in cielo né in terra».

Tags: