Verona, indipendentisti veneti in piazza a fianco della Catalogna

“Catalogna chiama – Veneto risponde”. È lo slogan della manifestazione indetta da “Indipendenza Veneta” che si svolgerà in piazza Brà a Verona, sabato 25 febbraio 2017 dalle ore 14. Il corteo arriverà davanti al consolato spagnolo per sostenere il «diritto all’autodeterminazione dei Popoli per via democratica e referendaria». «Indipendenza Veneta – si legge in una nota – pur sostenendo il referendum sull’autonomia del Veneto, ritiene che bisogna prepararsi alla fase due: il referendum sull’indipendenza. L’autonomia, infatti, è una concessione dello Stato che si può concretizzare solo con una sua legge (non della Regione) approvata dalle Camere a maggioranza assoluta dei componenti, ovvero mai per il Veneto».

«La Catalogna è già alla fase due – continua il comunicato – Tutti i veneti che credono nel processo verso l’indipendenza devono sostenere i Catalani che sfidano pacificamente il governo e la Corte Costituzionale spagnoli. In Spagna, come in Italia, intendono impedire l’atto di democrazia supremo che è il referendum istituzionale e ufficiale, con il quale il popolo catalano ed il popolo veneto vogliono esprimersi circa la propria indipendenza». Per “Indipendenza Veneta” La Corte Costituzionale non è competente a decidere in materia di auto-determinazione: «il diritto all’auto-determinazione è ante-costituzionale, supera cioè la Costituzione poiché deriva dal diritto internazionale al quale essa “si conforma” (art.10 Cost.It.)». Alla manifestazione saranno ammesse solo le bandiere del Veneto e non quelle di movimenti e partiti.

(ph: antonioguadagnini.eu)