Incendio nel Veneziano, morti all’alba marito e moglie

Li ha trovati ieri mattina il figlio, che andava a trovarli alle otto e mezza come d’abitudine: Antonietta Nalon, 85 anni, morta per asfissia mentre dormiva a letto e Antonio Terrin, 88 anni, carbonizzato a finaco alla stufa. Secondo quanto si legge a pagina 10 del Mattino di oggi, i due anziani, residenti a Fossò, nel Veneziano, sono vittime di un incendio divampato all’alba che ha divorato l’atrio della loro abitazione. Causa dell’incendio, forse, un malore di Antonio nell’atto di accendre la stufa per scaldare la stanza.

Le fiamme, ad ogni modo, si sono estese al divano e alle due poltrone, poi alla credenza, al televisore ed al telefono. Antonio è morto carbonizzato, mentre la moglie è spirata per asfissia: le porte del piano terra erano tutte chiuse e quindi il fumo si è subito diretto verso la camera da letto, cogliendo nel sonno Antonietta. L’incendio non si è esteso oltre all’atrio dell’abitazione, senza che nulla fosse visibile all’esterno: risulterebbero annerite solo una parte delle persiane e della parete esterna dell’ingresso. I due anziani, nonostante l’età, erano in buona salute e perfettamente lucidi.