Borgo Berga, gli indagati salgono a 22

Salgono da 18 a 21 gli indagati accusati a vario titolo di abuso d’ufficio e lottizzazione abusiva (22 se si considera Bruno Soave, dirigente del Comune mancato 10 giorni fa) nell’inchiesta sul complesso di Borgo Berga di Vicenza. Come scrive Benedetta Centin sul Corriere del Veneto nell’edizione di Vicenza a pagina 10, il procuratore capo Antonino Cappelleri ha aggiunto nel fascicolo anche il nome dell’ex sindaco di Vicenza Enrico Hüllweck, indagato per lottizzazione abusiva. Con lui anche l’ex presidente di Sviluppo Cotorossi Luca Boscato, Alberto Rubegni amministratore delegato del Gruppo Gavio e l’architetto Michele Valentini.

Gli altri nomi iscritti sul registro degli indagati sono: il dg del Comune Antonio Bortoli (l’unico a rispondere di abuso d’ufficio); la moglie di Hüllweck Lorella Bressanello, capo dipartimento Territorio, Bruno Soave, direttore amministrativo dell’Urbanistica e Franco Zanella, dirigente dello stesso settore); Pinheiro Gonçalo De Sousa Byrne, architetto portoghese che ha progettato il complesso; i progettisti Stefano Dal Masso, Paolo Antonio e Chiara Balbo, Alberto Liberatori e Enzo Cascioli; Riccardo Ciardullo, amministratore di Fin.Vi, la società (legata a Silvio Berlusconi) proprietaria dell’area; i vertici del Gruppo Maltauro l’ex presidente Gabriella Chersicla, Lelio Pietro Sottotetti, Enrico Maltauro, Gianfranco Simonetto, Gianfranco De Vicari, Norberto Moser; Paolo Dosa, presidente di Sviluppo Cotorossi, che ha realizzato il complesso.