Gruppo Facebook incita a stupri e violenze: Lucarelli smaschera un veronese

Selvaggia Lucarelli da tempo è in guerra con alcune pagine e gruppi chiusi di Facebook che incitano alla violenza e offendono pesantemente personaggi famosi e non. Il tutto nascondendosi dietro pseudonimi e falsi profili. Ma la Lucarelli sembra essere riuscita a risalire a chi sta dietro a “Degradoland“, uno dei gruppi chiusi della pagina “La fabbrica del degrado”. «So che molti hanno problemi con contenuti presenti su queste pagine. Se avete bisogno di sapere chi sono gli amministratori/responsabili/editor/proprietari di Degradoland (e la Fabbrica del degrado) senza nick e fake paraculi per segnalazioni, esposti o denunce, eccoli qui». Tra persone citate nel post di denuncia di Selvaggia spunta nome e cognome di un trentenne veronese, identificato come l’amministratore.

La giornalista sarebbe riuscita a risalire a lui attraverso un post pubblicato sul gruppo: «Da lunedì sarò professore di 16 ragazze del 2000/2001. Che croccantini posso usare per mantenere la loro attenzione?». E questo è solo uno dei tanti messaggi allarmanti pubblicati. Un altro esempio: «Quella… della mia ex mi ha mollato per un compagno di squadra, spiegando che ci vedevamo poco perché lavoro. Istruitemi su come comportarmi con lei», con tanto di foto della ragazza in questione. I commenti di risposta non sono altro che offese e consigli a stuprarla o molestarla.

 

Tags: ,