Coin, gruppi stranieri puntano all’acquisto

Secondo CorriereEconomia, alcuni gruppi internazionali in prevalenza da Far East e Cina, sarebbero interessati all’acquisto di parte del gruppo Coin. Come scrive Eleonora Vallin sui quotidiani Finegil di oggi, l’azienda non ha nè confermato nè smentito le voci che si stanno facendo sempre più insistenti. «Tutte le opzioni su Coin sono aperte – aveva dichiarato nel 2014 Nikos Stathopoulos del fondo Bc Partners che possiede l’80% del Gruppo -: potrebbe essere una vendita strategica, una vendita a un altro private equity o un’Ipo. Coin potrebbe essere una buona possibilità per una società intenzionata ad entrare in Italia dal momento che è il maggior operatore di department store nel Paese».

Coin sarà venduta ma l’operazione non è prevista nell’immediato. Penso a un orizzonte temporale medio, tra uno e cinque anni», aveva detto invece Stefano Beraldo, ad Ovs nel 2015. Coin conta oggi 40 departement store e fattura 400 milioni. E’ controllata al 100% da Icon Spa all’80,5% di Bc partners, al 4,5% da Investindustrial di Bonomi e al 13% da Ontario Teachers. La Spa controlla anche il 42,11% della quotata Ovs e il 100% del brand Excelsior (con negozi a Milano, Roma e Venezia) e il 29,75% della svizzera Vogele.

Tags: