Donazzan: «istituti professionali peggiori con Buona Scuola»

Per l’assessore regionale alla scuola, Elena Donazzan, «la riforma sta peggiorando gli istituti professionali. Il governo guardi al modello veneto dell’alternanza – avverte -, prima di affossarli. Sono e resto fortemente critica sull’iper-riformismo che – spiega – porta a riversare sulla scuola ogni problematica e tutte le possibili soluzioni. Certamente, avvicinare il mondo del lavoro al mondo della scuola è un obiettivo giusto e introdurre la cultura del lavoro, fatta soprattutto di laborialità, dovrebbe essere la stella polare per una buona scuola. Ma depauperare l’esperienza degli istituti professionali, riducendo le ore di laboratorio e introducendo materie non coerenti con l’indirizzo prescelto, ci porta lontani da questo principio-guida».

Donazzan, presente oggi a Jesolo al convegno nazionale dell’Andis (associazione nazionale dei dirigenti scolastici), considera la riforma della Buona scuola «generalmente peggiorativa dell’assetto esistente in quanto non all’altezza delle aspettative, dei problemi e delle trasformazioni in atto nel mondo dell’istruzione-formazione e nel mondo delle imprese». Donazzan esorta il Governo a guardare «a quanto avviene in Veneto ormai da decenni, dove abbiamo messo a fattor comune, con una esperienza di grande collaborazione tra Regione, Ufficio scolastico regionale, istituti scolastici e imprese, il mondo della scuola, le istituzioni e il mondo del lavoro».

«La Regione Veneto – conclude – intende difendere il patrimonio delle proprio scuole professionali. E condivide e appoggia, quindi, la presa di posizione della rete nazionale degli istituti alberghieri che, con un documento inviato alla Conferenza Stato- Regioni che dovrà esprimere il proprio parere sul decreto, ha criticato, in particolare, la riduzione delle ore di laboratorio e l’eccessivo numero di discipline non coerenti con l’utenza già fragile degli istituti professionali di Stato, oltre che la riduzione dei fondi assegnati agli istituti professionali».

Tags:

Leggi anche questo