Vittima don Contin: «da Curia nessuna comprensione»

La quarantanovenne che il 6 dicembre scorso ha denunciato don Andrea Contin, l’ex parroco di San Lazzaro (a Padova), ha parlato venerdì pomeriggio ai microfoni di Pomeriggio 5. Secondo quanto riportato da Nicola Munaro in un articolo pubblicato sul sito del Corriere del Veneto il 3 marzo scorso, la donna ha ricostruito la sua storia con il prete in un’intervista a Barbara D’Urso. «La Curia ha ascoltato e non mi sono sentita compresa – ha raccontato la donna – forse non hanno capito la gravità della cosa e lui comunque era ancora lì. Non so quali tempi avessero, come si sarebbero mossi. Vedere che altre donne erano coinvolte, anche donne molto giovani, ho detto “non è possibile”. Mi metteva tanta paura».

La donna, dopo aver parlato due volte con la Curia padovana che le aveva poi chiesto di formalizzare le accuse contro don Contin presso il tribunale Ecclesiastico Diocesano, ha quindi deciso di rivolgersi ai carabinieri. «Andavamo a delle cene anche con la madre e il padre di don Contin, mi è sembrato strano però pian piano mi sono entrati in gioco i sentimenti e mi sono innamorata – ha raccontato la donna – per avermi sempre più vicino mi portava con i suoi genitori a cui venivo presentata come l’amica e la confidente. Mai come la mogliettina, quella ero in privato e non davanti ai genitori».