Consumo suolo, Benedetti (M5S): «legge Veneto una farsa»

Per la deputata M5S Silvia Benedetti, «la legge che la Regione Veneto, in nome della difesa ambientale, sta presentando in questi giorni è una vera e propria legge farsa. Essa infatti prevede solamente compensazioni tra nuove costruzioni e demolizioni con addirittura l’aumento delle cubature per le nuove edificazioni, senza tener conto che nella maggior parte dei casi con le demolizioni si arriverà solamente all’abbattimento dei volumi e non al ripristino di territorio incontaminato e permeabile. Chi governa in questa maniera insomma non rispetta le indicazioni che ci giungono dall’Europa, che chiede agli Stati di perseguire l’obiettivo di consumo di suolo pari allo zero».

«I dati – prosegue la nota della parlamentare grillina – parlano chiaro e ci dicono che la provincia di Padova è una terra ormai prestata alla speculazione edilizia e alla distruzione del territorio: se in Italia c’è un supermercato ogni 16.000 abitanti e in Veneto uno ogni 7.000, in provincia di Padova si registrano numeri assurdi, in molti comuni uno ogni 2-3.000, come a Monselice dove ve ne sono addirittura nove. È anche così che la provincia di Padova risulta ad oggi tra quelle col maggior consumo di suolo d’Italia col 18,8% di territorio cementificato, rispetto al 7,6 % della media nazionale. Quello padovano – conclude Benedetti – è un territorio che continua a segnare record negativi in una delle regioni più maltrattate d’Italia da questo punto di vista, risultato di politiche miopi e amministratori che non fanno altro che prestare il fianco agli imprenditori del cemento, inseguendo le proposte dei privati, non progettando in base alle necessità delle loro comunità».

Tags: