Scissione Pd, 3 coordinatori vicentini si dimettono

La scissione del Pd nazionale si ripercuote anche sui circoli del Vicentino. Come scrive Roberta Labruna a pagina 13 del Giornale di Vicenza, i coordinatori dei circoli di Zugliano, Sovizzo e Camisiano, si sono dimessi pochi giorni fa. «Mi sono dimesso – spiega Francesco Petracchin, coordinatore dimissionario del circolo di Camisano – per esprimere un disagio, che è assai diffuso in questo momento. Rimprovero alla minoranza di essere uscita dal partito e a Renzi di non aver fatto abbastanza per impedire che ciò accadesse». Il coordinatore di Zugliano, Antonio Bianchetto, ha deciso invece di lasciare anche il partito ma non è detto che aderisca al gruppo scissionista “Democratici e Progressiti” fondato da Bersani & C.

«Non ho condiviso alcune delle riforme del governo Renzi né condivido il suo modo di fare – spiega Bianchetto -: non è mai riuscito a mediare tra le diverse sensibilità presenti nel partito, ha puntato allo scontro. Una cosa è essere decisionisti, altra cosa è evitare il confronto. Il partito per lui è stato solo il trampolino di lancio per arrivare al governo e infatti lui non si è mai dedicato al Pd, non ha fatto il segretario, lo ha abbandonato a se stesso». Infine, il coordinatore dimissionario del circolo di Sovizzo, Maurizio Dei Zotti, ha accusato il partito di essere «ostaggio di arroganza, autoreferenzialità e autolesionismo».

 

Tags: ,