Vicenza, giunta Variati: «centro storico non è morto»

172 nuove attività commerciali nel 2016, fra cui 125 negozi e 47 esercizi pubblici contro 124 che chiudono i battenti (102 negozi e 22 esercizi pubblici). Sono i dati, scrive il Corriere del Veneto nell’edizione di Vicenza a pagina 10, presentati dal Comune berico. «Questo è l’ennesimo segnale che Vicenza non è morta, anzi – esulta l’assessore alla Semplificazione, Filippo Zanetti (in foto)- è un segno della vivacità di Vicenza. I dati confermano che il capoluogo è una piazza interessante dal punto di vista commerciale e questo ci fa piacere. Penso che in questo trend positivo possa aver influito anche l’aver rilanciato il centro storico con manifestazioni ed eventi e, per quello che può fare un Comune, aver tenuto un occhio di riguardo agli spazi commerciali dal punto di vista dei tributi, con l’esenzione delle tasse come Imu e Tasi sui piccoli negozi di proprietà».

A questi numeri si affiancano quelli di Confcommercio che registra un calo del settore terziario /commercio ,turismo, servizi) dell’ 1,2 per cento in provincia rispetto al -2 per cento della media veneta. «Questi numeri – afferma il direttore di Ascom Vicenza, Ernesto Boschiero – significano che nella nostra provincia si soffre di meno che nel resto della Regione. Inoltre la fotografia del capoluogo è una nota positiva per tutto il settore del commercio cittadino».

 

Tags: ,