BpVi e Vb, Baretta: «con fusione no al default»

Il bail-in? «Può essere un rischio per la singola banca. Dopo la fusione, lo vedo invece molto remoto». Così Pierpaolo Baretta sottosegretario all’Economia sull’edizione di Vicenza del Corriere del Veneto a pagina 11, interviene sul rischio di fallimento delle due banche sollevato nelle ultime ore da Jp Morgan. Il rischio di default deriverebbe dall’impossibilità di raggiungere la soglia dell’80% di sì dei soci all‘offerta di transazione proposta dalle due ex popolari.

Sul tema interviene anche Renato Bertelle, avvocato in prima linea nella difesa dei risparmiatori: «io non credo che le informazioni diffuse nelle ultime ore, che legano la distribuzione delle risorse del fondo di solidarietà alla riuscita della transazione, sia uno stratagemma per mettere paura e indurre gli indecisi a sottoscrivere la proposta. Purtroppo, il fatto che l’obiettivo sia molto lontano dall’essere centrato è la pura verità».