BpVi e Vb, possibile proroga per transazione

Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca starebbero considerando la possibilità di prorogare i termini dell’offerta transattiva oltre il 22 marzo. Come scrive Katy Mandurino sul Sole 24 Ore a pagina 23, durante lincontro di mercoledì tra i vertici delle due banche e il ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan, sarebbero emerse preoccupazioni per il raggiungimento dell’80% di adesioni fissato come obbiettivo per il successo dell’offerta. Se tale soglia non venisse raggiunta, il salvataggio delle due banche potrebbe non essere scontato. Gli indecisi sono infatti ancora tanti: circa 50 mila per BpVi e 35 mila per Veneto Banca. Un opzione allo studio è quella dell’abbassamento della soglia minima al 70%. Tuttavia seguendo questa strada salirebbe il peso dei contenziosi renderebbero più vulnerabili le banche.

Negli ultimi due giorni, dopo l’annuncio che gli aiuti di Stato non comporteranno ritocchi in alto dei rimborsi, si è registrata un’accelerazione delle adesioni: per BpVi sarebbero salite dal 29,1 al 34% mentre Veneto Banca ha messo a segno una media complessiva del 37-40%. Per raggiungere gli obbiettivi prefissati in tempo, BpVi ha annunciato l’apertura straordinaria di 100 filiali sabato 11 e 18 marzo, dedicate esclusivamente alle operazioni legate all’offerta di transazione. La banca terrà gli sportelli aperti in Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana (l’elenco è disponibile sul sito).