Zoppas: «Venezia “area crisi industriale”, rilancio per Marghera e Murano»

Il decreto di riconoscimento come “area di crisi industriale complessa” per il territorio comunale di Venezia da parte del Ministero dello Sviluppo Economico è «un risultato di un’importanza estrema perché può creare le condizioni di rilancio di tutta l’area del Comune di Venezia». Lo afferma Matteo Zoppas, presidente di Confindustria Venezia-Rovigo: «oltre al necessario sostegno per Porto Marghera, ci saranno specifiche dotazioni finanziarie per gli investimenti produttivi per le aree di Murano e per investimenti infrastrutturali necessari allo sviluppo della logistica e della portualità. Per Marghera, la condizione di area di crisi potrà essere «volano di una ripresa delle aziende che vogliono sviluppare nuove attività o migliorare attività esistenti, accedendo a finanziamenti dedicati a nuove opportunità produttive ed occupazionali».

«Il fatto che anche Murano possa godere di questi benefici è di grande importanza, viste le nefaste conseguenze della vicenda degli sgravi Inps – spiega Zoppas -. Da tempo abbiamo aperto un tavolo sulla situazione produttiva e commerciale delle vetrerie dell’isola proprio presso il Ministero dello Sviluppo Economico, dove sono state trattate le criticità e le proposte di sostegno al settore, individuando tra le misure chiave da adottare per rilanciare l’economia del vetro: l’istituzione della zona franca urbana, la certificazione nazionale del marchio, la creazione di un impianto di recupero del cocciame».

Tags: ,