Consiglio Stranieri flop, Pupillo: «Bulgarini dov’era?»

Sandro Pupillo presidente dell’associazione Vicenza Capoluogo e capogruppo della Lista Variati, interviene nella polemica sul flop del Consiglio degli Stranieri di Vicenza che in due occasioni si è riunito senza raggiungere il numero legale. Come scrive Marco Scorzato sul Giornale di Vicenza a pagina 13, Pupillo risponde alle affermazioni del vicesindaco Jacopo Bulgarini d’Elci che aveva definito i due episodi «pagina imbarazzante», ricordando che gli stranieri «hanno il dovere di ricambiare la fiducia della città» e annunciando che convocherà «la presidente e le diverse liste per chiedere di rimettere in carreggiata la macchina prima che venga consegnata allo sfasciacarrozze».

Per Pupillo «non è possibile immaginare» che un organismo così nuovo e variegato «possa lavorare già in piena autonomia», è normale «che ci siano difficoltà di relazioni e ancora poca capacità di leadership, ma se aiutato, dal punto di vista tecnico dall’amministrazione, questo strumento può essere di grande aiuto alla città». Vi.Capoluogo si dice dunque «sorpresa dalle affermazioni del vicesindaco Bulgarini d’Elci che inizialmente si era speso in prima persona, e peraltro assai bene, per la nascita del consiglio degli stranieri, presentando una proposta di delibera. Notando, però, le prevedibili difficoltà che il Consiglio aveva nello svolgere al meglio il lavoro, avevamo già da tempo sollecitato lui ed il presidente del Consiglio comunale Formisano ad accompagnare il percorso del neonato Consiglio, dotandolo di minimi, ma fondamentali supporti, che suppliscano alla mancanza di un segretario generale e di una segretaria che sappia stendere i verbali, senza ottenere risposte chiare».

Tags: ,