Grandi Navi, De Piccoli: «governo motivi cambio progetto»

Cesare De Piccoli, ideatore insieme a Duferco del progetto Venis Cruise 2.0 per un terminal off-shore per le crociere all’altezza delle dighe del Mose, va all’attacco della recente decisione del governo di far passare le grandi navi nel canale Vittorio Emanuele. Come scrive Alberto Zorzi sul Corriere del Veneto nell’edizione di Venezia a pagina 13, il progetto Venis ha ottenuto di recente la promozione con prescrizioni da parte della commissione Via. «Tutta la vicenda del Mose dovrebbe aver insegnato qualcosa – attacca De Piccoli – una delle autocritiche fatte è che non c’erano state delle procedure certe. Qui si cambia continuamente a partita già avviata, è la quarta posizione del governo. Abbiamo scritto una lettera al ministero delle Infrastrutture, in cui chiediamo un incontro per sviluppare il progetto – spiega – Poi chiederemo un incontro alla Capitaneria di Porto e anche al nuovo presidente dell’Autorità portuale Pino Musolino». Per De Piccoli se lo Stato cambia progetto, lo deve motivare: «se lo Stato non motiva i suoi atti (amministrativi, ndr) si rischia di entrare nel campo dei reati».

Tags: ,