Venezia, sì a stadio per pagare debiti Casinò

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Sto lavorando con il presidente Tacopina per vendere le aree del quadrante di Tessera dell’immobiliare del Casinò, piena di debiti: i privati fanno stadio, centro commerciale, parcheggi. Non lo facciamo noi, lo fanno loro. Si dice da 20 anni e sto cercando di farlo». Così il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro nel corso di una diretta Facebook ospitata giovedì dalla pagina satirica “Lo Schitto”. «È l’unico progetto fattibile – ha ribadito l’assessore al Bilancio e alle partecipate Michele Zuin -. Cmv, l’immobiliare del Casinò, ha 37 milioni di euro di debiti con il Comune: non ci sono fondi per una nuova sede della casa da gioco e la vendita dei terreni del Quadrante è l’unica soluzione per ripianare i conti e per fare lo stadio. Io l’ho detto da subito che si doveva vendere a fronte dei debiti del Casinò da rilanciare. È anche la Corte dei Conti che ci chiede di tagliare il debito. Ne ho parlato con il sindaco mesi fa, poi è una partita che gestisce esclusivamente lui, in prima persona, con il presidente Tacopina».

Ma per l’opposizione Pd il piano di Brugnaro non è fattibile perchè vietato dal Piano di assetto territoriale approvato dalla giunta Orsoni: «Il Pat, il piano di assetto territoriale, prevede per il quadrante di Tessera una cittadella dello sport e del divertimento, una destinazione direzionale e ricettiva e non è previsto alcun centro commerciale – dice il capogruppo dem Andrea Ferrazzi in un articolo diRoberta De Rossi  su La Nuova Venezia a pagina 2 – l’Enac ha già espresso un parere tecnico positivo per il Masterplan 2031 dell’aeroporto, che presuppone vincoli (…) il Comune venda l’area a privati per realizzare la cittadella, si faccia costruire la nuova sede del Casinò e con la differenza in contanti saldi i debiti della casa da gioco. Il nuovo stadio si può fare sulle aree agricole più a nord: costano molto meno e il Venezia Calcio non dovrà così essere compensato con un centro commerciale del quale non c’è alcun bisogno».

Tags: ,

Leggi anche questo