Profugo arrestato, Zaia: «sconti pena in Nigeria»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Questo signore, se confermato colpevole, va spedito a scontare la pena in Nigeria». Così sul Mattino a pagina 3, il governatore del Veneto Luca Zaia commenta l’arresto ieri di un profugo ospitato a Bagnoli accusato di aver tentato di stuprare in due diverse occasioni una 40enne e una 20enne vicino all’ex caserma di San Siro.

«Parlano tanto di accordi bilaterali -prosegue Zaia – ebbene questo è il classico caso in cui l’accordo serve e va fatto al più presto. Il Parlamento deve legiferare con urgenza perché questa gente, che non ha alcun titolo per trovarsi qui, venga rimpatriata al più presto». «Bravi i carabinieri per la tempestività – conclude il governatore – non è possibile però continuare con questo andazzo, bisogna assistere i bisognosi veri e rispedire gli altri senza indugi perché la situazione è ormai sfuggita di mano».

Tags: ,

Leggi anche questo