“Cattura popolare per politici”, perquisiti leader Forconi

La Polizia ha eseguito questa mattina una serie di perquisizioni nei confronti di leader ed esponenti del Movimento dei Forconi in diverse parti d’Italia. Gli uomini delle Digos, coordinati dalla Direzione centrale della polizia di prevenzione, hanno operato a Ascoli, Campobasso, Como, Firenze, Latina, Roma, Taranto e Treviso. Le perquisizioni sono scattate nei confronti di coloro che hanno manifestato l’intenzione di attuare “l’Ordine di cattura popolare“, un documento messo a punto da alcuni degli indagati e definito “fortemente istigatorio” dagli investigatori, nel quale si invitano i cittadini ad arrestare tutti i parlamentari, gli esponenti del governo e il presidente della Repubblica.

«Ci processino pure, ma ci dicano se la sentenza della consulta è giusta o no». A parlare è Danilo Calvani, leader del movimento 9 dicembre. «Mi hanno sequestrato il computer – afferma – per cercare qualcosa di eversivo. Siamo stati noi a presentare le denunce in varie procure d’Italia contro i politici, che occupano abusivamente il posto dopo la sentenza della Consulta. La nostra era una provocazione e ci aspettavamo una reazione simile. Quello che ci viene contestato è che non possiamo sostituirci allo Stato». Calvani, per spiegare le sue ragioni, ha indetto una conferenza stampa per oggi pomeriggio, alle 15, a Latina anche per «fare chiarezza e capire chi sono alcune persone coinvolte nell’operazione ma che non hanno nulla a che vedere con noi».

Tags:

Leggi anche questo