Migranti, altri arrivi a Bagnoli. Sindaco: «pronti a barricate»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Quindici nuovi migranti si aggiungono da oggi ai circa 800 ospiti del centro di prima accoglienza nell’ex base di San Siro a Bagnoli (Padova), il Cpa dove due giorni fa è stato arrestato il nigeriano di 27 anni accusato della tentata violenza ad una donna del posto. «Questa è una beffa – afferma il sindaco Roberto Milan – Ne ho avuto conferma poco fa dalla Prefettura di Padova, si tratta di 15 persone giunte con gli ultimi sbarchi. Noi a questo punto siamo pronti alle barricate. E questo – prosegue Milan – poche ore dopo che il ministro Minniti, nell’incontro privato che abbiamo avuto ieri sera a Padova assieme ai miei colleghi di Agna e Cona, ci avesse rassicurato sul fatto che i due hub di Bagnoli e Cona sarebbero stati ridotti, in vista di un futuro smantellamento. Siamo ancora una volta alle promesse non mantenute – conclude – ma io non mi ero fatto illusioni».

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Meno barricate e più cervello.
    I clandestini che, con grande cura, abbiamo “importato” non possono sparire con un colpo di bacchetta magica e non possono essere “spalmati” sul territorio se vogliamo evitare un nuovo inferno sociale.
    Ciò premesso, il sig. Sindaco si calmi e concorra alla pacatezza, anche consigliando la dovuta prudenza da parte dei suoi residenti.
    Miracoli non ne fa questo Governo ma, realisticamente, sono impossibili per tutti.
    Finché migliaia di “clandestini” vengono imbarcati sulla costa libica dalle nostre navi e poi trasferiti in Italia, è inutile poi opporsi alla loro presenza.
    Bisogna dire BASTA agli imbarchi.
    https://www.facebook.com/LucaDofficial/videos/387461128292311/