Treviso, selfie sui binari: denunciata 17enne

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Nuovo preoccupante caso di selfie sui binari nel Trevigiano. Protagonista, scrive Milvana Citter sul Corriere del Veneto a pagina 8, è quesata volta una 17enne che ha contestato la violazione di essersi introdotta, senza autorizzazione, in un’area riservata delle Ferrovie dello Stato per scattarsi una foto con alle spalle un treno in arrivo. La ragazza, fermata dalla Polfer, avrebbe risposto così agli agenti: «è un bel posto per stare tranquilli, ci sono venuta anche altre volte a scattare foto e selfie». L’episodio risale a qualche giorno fa quando un macchinista di un treno aveva notato la giovane pericolosamente vicina ai binari dello scalo Motta, un’area di carico e scarico dei treni merci lungo la linea Treviso-Spresiano.

Il caso non è isolato: nell’ultimo periodo infatti analoghi incidenti sono avvenuti a Oderzo, Preganziol, Castelfranco e in altre stazioni della provincia. A preoccupare non c’è solo il “Daredevil selfie” (così viene chiamata la moda del pericoloso autoscatto con il treno). Molte denunce sono arrivate anche per atti sconsiderati e pericolosi come oltrepassare la linea gialla, stare seduti con le gambe penzoloni sul marciapiede lungo i binari, usare le cuffiette o il telefono cellulare nei pressi delle rotaie. Per arginare il fenomeno, la Polfer sta conducendo nelle scuole la campagna di sensibilizzazione “Train to be cool”. 

(ph: udine20.it)

Tags: ,

Leggi anche questo

  • don Franco di Padova

    Uccisi gli eroi, deriso l’eroismo, resta solo la stupida sfida.
    Non fa meno morti ma, essendo stupida, è socialmente accettabile…