Santorso (Vi), incendio in ospedale: morto paziente

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Un paziente di 63 anni è morto in seguito a un incendio divampato nella stanza dove era ricoverato nel reparto di psichiatria all’ospedale di Santorso, nel vicentino. I vigili del fuoco di Schio hanno spento l’incendio della stanza e portato fuori l’uomo, già privo di vita. Sono stati sgomberati per un paio di ore a titolo precauzionale anche i reparti sovrastanti per consentire la sistemazione del sistema di ventilazione. Sul posto anche i carabinieri per gli accertamenti del caso.

Secondo Giorgio Roberti, direttore generale dell’Ulss 7 Pedemontana il rogo sarebbe stato autoprovocato. La sezione di week surgery del terzo piano, momentaneamente evacuata a causa del fumo, è tornata ad essere in funzione da qualche ora, con l’esclusione della zona specificata in cui si è verificato l’incendio che è andata completamente distrutta.

+++AGGIORNAMENTO+++

L’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto ha attivato una indagine amministrativa interna per verificare quanto accaduto e fare al più presto la massima chiarezza, in piena collaborazione con gli inquirenti. La Regione Veneto si dichiara a totale disposizione degli organi investigativi. Intato sembra essersi chiarita la causa dell’incendio: una sigaretta accesa e poi dimenticata sul materasso. La vittima è Eugenio Carpanedo, 63 anni, di Schio. L’uomo si trovava in una stanza singola che è andata completamente distrutta. La morte, in base ai primi accertamenti, è stata causata dall’asfissia e dalle ustioni.

Tags: ,

Leggi anche questo