Treviso, giudice: «Stato assente, mi armo»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Qualche sera fa, tornando da una cena, ho avuto la cattiva idea di sorpassare una Bmw. Qualcuno a bordo si è offeso, ed è cominciato un inseguimento a colpi di fari abbaglianti e di preoccupanti avvicinamenti (…) Se fossi stato armato, come è mio diritto e come sarò d’ora in poi, che sarebbe successo se, senza l’intervento dei Carabinieri, le due facce proibite a bordo della Bmw mi avessero fermato e aggredito, come chiaramente volevano fare? Se avessi sparato avrei subito l’iradiddio dei processi – eccesso di difesa, la vita umana è sacra e via discorrendo- da parte di miei colleghi che giudicano a freddo». Così in una lettera aperta sul Mattino a pagina 13, il magistrato di Treviso Angelo Mascolo interviene sulla questione della legittima difesa.

Il problema è che «lo Stato ha perso completamente e totalmente il controllo del territorio, nel quale, a qualunque latitudine, scorazzano impunemente delinquenti di tutti i colori (…) La severità nei confronti di questi è diventata, a dir poco, disdicevole, tante sono le leggi e le leggine che provvedono a tutelarli (…) il lavoro di un giudice penale è, oggi, paragonabile a quello del soldato al quale, per tenerlo calmo, fanno scavare un buco e poi riempirlo», conclude Mascolo.

 

Tags: ,

Leggi anche questo