Classi con stranieri, italiani portano via figli

Il caso della scuola media Coletti di San Liberale, a Treviso, non è isolato ma si inserisce anzi in una situazione diffusa tra le scuole della città. Tra le quali, secondo quanto scrive Alessandra Vendrame oggi a pagina 26 de La Tribuna, quelle che vedono maggiori iscrizioni di alunni stranieri registrano parallelamente un “fuggi fuggi” di alunni italiani. Sempre più famiglie trevigiane, infatti, chiedono alle scuole primarie di poter scegliere liberamente la scuola per i propri figli. E spesso la scuola preferita non è quella sotto casa, soprattutto quando lì la presenza di alunni stranieri è importante.

«È necessario riuscire a dare alle scuole, dove c’è più alta concentrazione di stranieri, maggiori risorse e proposte educative – dice l’ex dirigente del Casteller di Paese, Claudio Baccarini – coinvolgendo insieme dirigenti scolastici, amministrazioni locali e associazioni per cercare insieme delle soluzioni in grado di rendere il servizio della scuola pubblica più appetibile possibile per tutti». Secondo Baccarini, inoltre, la concetrazione di alunni stranieri va evitata ad ogni costo: «altrimenti davvero si corre il rischio di creare una scuola ghetto».

Tags: , ,

Leggi anche questo