Imbarco vietato per dei leggings: «inappropriati»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Domenica mattina all’aeroporto di Denver, a tre ragazzine è stato impedito l’accesso ad un volo della United Airlines per il loro abbigliamento giudicato troppo succinto. L’oggetto incriminato? Dei semplici leggings. Una di loro aveva un bagaglio a mano con degli abiti dentro ed è riuscita a cambiarsi, proseguendo così il viaggio. Le altre due sono rimaste a terra senza se e senza ma. A raccontare l’episodio l’attivista e fondatrice “Moms Demand Action”, Shannon Watts, su Twitter: «Un agente della United Airlines non sta facendo salire sul volo delle ragazze in leggings. Forse l’elastam non è permesso a bordo?». Continuando poi il suo racconto con altri tweet: «per entrare in cabina, alle ragazze è stato chiesto di cambiarsi».

Le denunce della Watts hanno avuto talmente tanto eco sui social che la compagnia aerea ha dovuto dare una spiegazione per il suo comportamento. Si è così scoperto che le ragazze erano “Pass Riders“, ovvero parenti di dipendenti della compagnia aerea che viaggiavano con dei speciali pass, e il regolamento prevede che anche loro debbano seguire la policy aziendale sul dress code. Quindi niente piedi nudi e soprattuttp coprire le gambe il più possibile. Ma la Watts ha ribattuto: «e quindi il padre, che portava pantaloni corti?»

 

Tags:

Leggi anche questo